GianMarco Porru (Oristano, 1989) lives and works in Milan.
He studied at Brera Academy of Fine Arts. Among the scheduled exhibitions “Badly Buried”, curated by Jade Barget, Naz Cuguoğlu, Alice Sarmiento, 13th edition of YCRP coordinated by Lucrezia Calabrò Visconti, Sandretto Re Rebaudengo Foundation, Guarene.
In 2021 he participated in “Mediterranea19 – School of Waters” curated by Simone Frangi, Alessandro Castiglioni and Natural Oasis?. In 2020 he participated in the MilanOltre festival and in the collective exhibition “BACK_UP” at the Nivola Foundation, Orani. In 2019 he was selected for the Q-Rated La Quadriennale workshop in Rome and as participant at the Teatro Valdoca laboratory directed by Cesare Ronconi. In 2019 he participated in “Teatrum Botanicum”, PAV of Turin. Also in 2019 he presented “MALEDETTA”, solo show, at tSpace, Milan. In 2018 he was in residence at the PAF – Performing Art Forum and at Viafarini where he works on the performance “Untitled (very close to the sky)”, produced by MIBACT Directorate General for Entertainment and presented at the Portinari Chapel in Milan. Also in 2018 he realized the performance “Untitled (of an ordinary magic)”, presented on the occasion of Furla Series # 01, curated by Marcello Maloberti, at the Museo del Novecento in Milan.


//


GianMarco Porru (Oristano, 1989) vive e lavora a Milano.
Studia all’Accademia di Belle Arti di Brera e porta avanti la formazione nel campo del teatro. Tra le mostre in programma “Badly Buried”, a cura di Jade Barget, Naz Cuguoğlu, Alice Sarmiento, 13a edizione di YCRP coordinato da Lucrezia Calabrò Visconti, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene.
Nel 2021 partecipa a “Mediterranea19 – School of Waters” a cura di Simone Frangi, Alessandro Castiglioni e a Natural Oasis?. Nel 2020 partecipa a milanOltre festival e alla mostra collettiva “BACK_UP” presso Fondazione Nivola, Orani. Nel 2019 è selezionato per il programma di formazione Q-Rated La Quadriennale di Roma e per il laboratorio di Teatro Valdoca diretto da Cesare Ronconi. Nel 2019 partecipa a “Teatrum Botanicum”, PAV di Torino. Sempre nel 2019 presenta la mostra personale “MALEDETTA” presso tSpace, Milano. Nel 2018 è in residenza presso il PAF – Performing Art Forum e presso Viafarini dove lavora alla performance “Senza Titolo (molto vicino al cielo)”, prodotta dal MIBACT Direzione Generale Spettacolo e presentata presso la Cappella Portinari di Milano. Sempre nel 2018 realizza la performance “Senza titolo (di una ordinaria magia)”, presentata in occasione di Furla Series #01, a cura di Marcello Maloberti, presso il Museo del Novecento di Milano.